/ La Rapunzel dei libri (e non solo): "Mai per amore" di Penelope Douglas

sabato 30 agosto 2014

"Mai per amore" di Penelope Douglas

"Mai per amore" è il primo romanzo della serie "The Fall Away", noto come "Bully". La casa editrice che ha pubblicato "Mai per amore" è la Newton Compton.
Le informazioni sulla serie le trovate cliccando qui.
Titolo: Mai per amore
Autrice: Penelope Douglas
Primo romanzo della serie "The Fall Away"

Un tempo Jared e Tate erano grandi amici: sono cresciuti insieme, si sono aiutati a vicenda nei momenti difficili. Ma, dopo un’estate che hanno trascorso lontani, Jared è cambiato. Il bambino dolce di una volta si è trasformato in un ragazzo difficile e astioso, sempre pronto a offendere e deridere Tate, a schernirla e a farla oggetto dei propri soprusi. A scuola le ha reso la vita un inferno, e Tate non sa più come difendersi: vorrebbe odiarlo eppure non ci riesce, perché sente che il suo vecchio amico ha sofferto, che questa sua prepotenza nasconde una profonda ferita. Deve scoprire il motivo della sua rabbia, raggiungere il suo cuore e carpire il segreto da cui lui ha deciso di tenerla all’oscuro…


Le mie considerazioni:
Inizio con il dire che "Mai per amore" è stato uno dei libri più belli che abbia letto recentemente. Mi ha coinvolto tanto, così da leggerlo in tre giorni.
La storia non è per nulla scontata, infatti non ci troviamo dinnanzi a una forte amicizia che si evolve e si trasforma in qualcosa di più, troviamo due ragazzini alle prese con nuovi emozioni. Emozioni talmente forti che degenerano in odio, distruzione, rabbia.
"Quando eravamo più piccoli  e vivevamo l'uno accanto all'altra, pensavo spesso che Jared fosse un grande. Era dolce, generoso e socievole. Il più bel ragazzino che avessi mai visto. Ma quel ragazzino ormai non c'era più." Tate
Tate ha vissuto gli ultimi anni con il terrore di ciò che le sarebbe potuto capitare in compagnia di Jared e del suo caro amico Madoc. Loro erano sempre lì a prenderla in giro, farle scherzi per nulla graditi, diffondevano voci imbarazzanti senza fondamento, e tutto ciò ha reso la vita di Tate orribile. Era in perenne imbarazzo, triste. Piangeva e si nascondeva ovunque, pur di allontanarsi dai loro sguardi. La vita degli adolescenti può essere molto difficile, ma un giorno, stanca di questi soprusi, Tate reagisce, spinta forse dalla imminente partenza per la Francia. Gli studi in Francia durano solo un'anno e al suo ritorno Tate dovrà fare i conti con Jared e Madoc. 
Fin dall'inizio scorgiamo una profonda attrazione tra i due protagonisti, che a quanto pare sembra essere nata tanti anni fa, in quegli anni in cui Jared e Tate sembravano inseparabili.
"Alle elementari ci avevano fatto giocare con le calamite che si attraggono se si avvicinano tra loro i poli opposti, ma si respingono se si accostano quelli uguali. Jared era come una calamita che non si girava mai per attirare il polo opposto al proprio. Era fatto così. Erano gli altri a doversi adeguare. C'era stato un tempo in cui io e lui eravamo inseparabili, come i poli opposti di un magnete." Tate
La loro attrazione non viene meno neanche a distanza di anni, e neanche dopo tanto odio.
"Mi stava osservando e io mi sentii arrossire. C'era stato un tempo in cui mi riservava le sue attenzioni, cosa che adoravo. Ma adesso, anche se volevo disperatamente che mi lasciasse in pace, mi piaceva quella sua aria sorpresa. Mi piaceva il modo in cui mi stava guardando in quel momento. Poi mi ricordai che lo odiavo." Tate
Fin dalle prime pagine troviamo un Jared combattuto. Vuole avvicinarsi a Tate, ma allo stesso tempo vuole dimenticarla, andare avanti, ma come? Cosa farà Jared? Si lascerà guidare dall'istinto o agirà razionalmente?
Anche Tate è combattuta. Si sente attratta da Jared, ma allo stesso tempo come può fidarsi di lui dopo tutto ciò che le ha fatto? Lui è l'unico ragazzo con cui si sente viva, il suo cuore, la sua pelle, ogni millimetro di pelle è in allerta quando Jared si avvicina e i suoi occhi, così dolci, quasi le fanno dimenticare che lo odia. 
"Le sue labbra mi divorarono, appassionate, come se intendessero sbranarmi viva. Mi piantò la lingua in bocca e io glielo lasciai fare, ne avevo bisogno anch'io. Mi sentii sempre più eccitata e gli circondai la vita con le gambe, prime di chiudere gli occhi e godere di quella sensazione liberatoria. Cercai di pensare, ma non ci riuscii. Non volevo. Tutti gli anni che eravamo stati lontani l'uno dall'altra svanirono in un soffio." Tate

Jared è solo un ragazzo sofferente, solo, distrutto da due genitori assenti, che non sono stati in grado di amarlo e farlo crescere in serenità. Le cicatrici che si formano durante la crescita sono quelle incancellabili, difficili da rimuovere, le porti dietro finchè non si vede la luce. E Jared pare di aver trovato la luce, pare di aver capito di chi ha bisogno per vivere, perchè la vita non ha senso senza di lei, così come è troppo oscura la giornata senza Tate.
Da piccoli Tate era il suo raggio di sole, il pensiero che lo rallegrava, ma un giorno la luce e la gioia di quel ragazzo che cresceva venne spezzata via dalla cattiveria dei grandi, dall'insensibilità. Dopo un'estate con suo padre Jared non è più lo stesso, perchè ha visto le brutture dell'umanità e i suoi occhi, la sua mente non potranno mai dimenticarle, perchè il suo corpo porta i segni di chi ha lottato per ribellarsi, per liberarsi dalle catene della depravazione dei grandi. L'animo di Jared è rabbioso.
"Pensando alla vita di Jared non potetti fare a meno di incupirmi. Era cresciuto senza un padre e con una madre assente. Non aveva avuto amore nè un sano modello da imitare durante l'infanzia, almeno a quanto ne sapevo io." Tate
"Mi sembrava che nessuno mi volesse e che il mondo sarebbe andato avanti anche senza di me. Non importavo a nessuno." Jared 
"La mia lanterna sei tu, Tate. La luce. Me la sono tatuata dopo essermi cacciato in tutti quei guai, l'anno scoroso. Dovevo darmi una ripulita e mia madre aveva deciso di fare lo stesso e di smettere di bere. Entrambi ci siamo aggrappati a un pensiero che avrebbe dovuto aiutarci a venire fuori. Un sogno o un desiderio. Il mio sei sempre stata tu. Ti amo, Tate." Jared

Come può Tate perdonare Jared? Il loro amore e la loro passione potranno cancellare tutto il passato, tutta la sofferenza di Tate e la rabbia di Jared? 
Tate sà che Jared è il ragazzo che occupa il suo cuore, nonostante il passato, Tate ha conosciuto il Jared ragazzino, con un animo puro e dentro il suo cuore sa che quel ragazzino non può essere sparito, quell'amico che l'ha vissuta e che l'ha cambiata, facendole oltrepassare le paure non può esser disperso. Sa che in Jared c'è del buono, seppur nascosto, c'è. Cosi Tate si lascia andare alle emozioni che in lei spigiona la vicinanza di Jared.
"Gli sollevai il bordo della maglietta  gli accarezzai la pelle. Gli passai le mani sulla schiena e lui si irrigidì non appena gli toccai una cicatrice. Lo volevo. Lo volevo tutto. Volevo che sapesse che non avevo paura, che amavo ogni parte di lui. " Tate


La vita insieme è più bella, Tate ama Jared e Jared ama Tate, finalmente hanno ammesso i loro veri sentimenti. Ma Tate non sa ancora spiegarsi il perchè Jared si sia comportato in quel modo negli ultimi anni. Tate e Jared si vivono e Jared si racconta. Ma basterà perchè Tate posso fidarsi a pieno di lui? Le parole contano ben poco se non sono seguite dai fatti, e i fatti arrivano.
"Per quanto ci abbia provato non sono riuscito a cancellarti dal mio cuore. Ecco perchè mi sono comportato tanto da stronzo e perchè ti ho tenuto lontano gli altri ragazzi. Ti ho sempre considerata mia." "E tu sei mio?", gli chiesi, asciugandomi le lacrime."Lo sono sempre stato." Lo abbracciai e lui mi tenne stretta, mentre io gli nascondevo il volto contro il suo collo. Mi rilassai, sapendo senza l'ombra di dubbio che eravamo passati oltre. Lui non mi avrebbe mai più fatto del male e io avevo capito di aver bisogno di lui come l'acqua." Jared e Tate
"Io ero sua. E lui era mio. Non saremmo mai più stati lontani l'uno dall'altra. Ci eravamo modellati a vicenda, pure senza accorgercene. E adesso l'incastro era perfetto." Jared e Tate
Un libro fantastico. Veramente bello. Mi è piaciuto fin da subito. L'ho letto velocemente e ho concluso la lettura delle ultime pagine pregando che non finisse presto.
Nonostante ciò, il finale è stato uno dei più belli e le parole usate dalla scrittrice sono meravigliose. La lettura del libro mi ha portato a voler capire il personaggio maschile, Jared. I suoi atteggiamenti erano inspiegabili, ma nonostante ci fosse tanto odio verso Tate, non sono riuscita ad odiare Jared, grazie le riflessioni di Tate, tramite le quali il lettore conosce il Jared bambino. Solo nelle ultime pagine comprendiamo il perchè Jared sia così cambiato e cosa l'abbia trasformato in un uomo rabbioso. Tate mi è fin da subito piaciuta, è una semplice ragazza, in cui le più possono immedesimarsi e ritrovarsi. E' forte, coraggiosa, ed è determinata a scoprire Jared.
La loro storia sarà messa duramente alla prova, e insieme, con forza e coraggio riusciranno a superare anche gli ultimi ostacoli. 
Un libro basato sull'amore, sulla fiducia e sul perdono. 
Una bellissima storia per le romanticone come me, assolutamente da non perdere.
Consigliato dai 14+ per le scene un po hot. 
La mia valutazione:
Il booktrailer:

Nessun commento:

Posta un commento

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Risponderò presto!