/ La Rapunzel dei libri (e non solo): Recensione: "Scommettiamo che ti faccio innamorare?" di Emma Hart

giovedì 2 luglio 2015

Recensione: "Scommettiamo che ti faccio innamorare?" di Emma Hart

Oggi vi presento questo romanzo: "Scommettiamo che ti faccio innamorare?" di Emma Hart, noto come "The love game", il primo della serie "The game", composta da:
"Scommettiamo che ti faccio innamorare?" (The Love Game) #1
Playing for Keeps  #2
The Right Moves  #3
Worth the Risk #4

Titolo: Scommettiamo che ti faccio innamorare?
Titolo originale: The love game
Scrittrice: Emma Hart
Serie: The game series
primo romanzo
Potete comprare qui (il cartaceo) e qui (l'ebook):

Maddie ha odiato Braden al primo sguardo. Arrogante, sbruffone, dongiovanni: esattamente ciò che detesta. Certo, è bello e sexy da morire, ha sempre due o tre ragazze che gli ronzano attorno, e chissà chi si crede di essere.
Si meriterebbe una lezione, qualcuna che lo faccia davvero innamorare. Così, quando le amiche la sfidano, Maddie accetta la scommessa: riuscirà a dargli quello che si merita? Anche Braden ha notato Maddie, e da subito: la ragazza non è niente male. Si dice che sia anche una tipa seria e con la testa sulle spalle, ma la sfida lo intriga: un mese per riuscire a portarsela a letto. In fondo, da quel punto di vista non ha mai avuto problemi.
Comincia tutto così, per scommessa. I due iniziano a frequentarsi, a studiarsi, a giocare. Poi, all’improvviso, la posta in gioco cambia: Braden non può fare a meno di provare qualcosa per la ragazza fragile che si nasconde dietro quegli occhioni verdi, e Maddie si accorge che, oltre i muscoli e ai sorrisi da seduttore, ci sono un cuore e dei sentimenti. Maddie e Braden si sono infilati in un mare di guai, perché adesso non conta più vincere o perdere. Adesso conta soltanto sentirsi vicini, essere parte l’uno dell’altro.
"Un gioco finito in parità. Ma ora è iniziata un'altra partita, e questa volta la posta in gioco è molto più alta. Perché ci sono di mezzo due cuori." Maddie
Cari lettori, giugno è terminato e oggi vi parlo di una lettura affrontata nel mese scorso: "Scommettiamo che ti faccio innamorare?" di Emma Hart, che ho trovato carino ma nulla di più, insomma una lettura estiva e spensierata. Sapete, nutrivo qualche speranza in più in questo romanzo, che sapesse coinvolgermi di più, appassionarmi, invece no. Non riesco a comprendere quale sia stato il motivo, forse i protagonisti perché poco approfonditi o la penna della scrittrice?
Ho letto subito dopo "Scommettiamo che ti faccio innamorare?" il nuovo romanzo di Colleen Hoover, che amo follemente, ed ho notato l'abisso tra le due scrittrici, non c'è dubbio circa il fatto che la stesura della storia, le parole arricchiscono l'animo del personaggio di carta, lo fanno sembrare reale, ma con la Hart questo non è successo, non sono riuscita ad immedesimarmi nei protagonisti, troppo freddi. Questo non significa che il libro sia da bocciare, ma con me non c'è stata alcuna complicità.
La storia fin da subito mi è apparsa come nota, i soliti due ragazzi del college che non si sopportano ma si vogliono inconsciamente, c'è qualcosa dell'uno che attrae l'altro, inspiegabilmente. La storia è raccontata tramite l'alternarnanza dei diversi punti di vista, quello maschile e femminile, e, nonostante questo, mi è parso ancor più difficile comprendere i sentimenti e le emozioni di entrambi i protagonisti. Tutto inizia come un gioco, ma alla fine di esso, inevitabilmente, nasce e cresce un sentimento reciproco, che non può essere celato neanche dinnanzi ai loro più cari amici.
"L'amore non si può controllare. Non puoi decidere tu quando farlo sbocciare."
Maddie ha alle spalle un passato doloroso, la sua vita è cambiata nel giro di pochi attimi, perché sono bastati pochi secondi per perdere una mamma, la sua gioventù e spensieratezza, perchè da quel momento in poi nulla è stato come prima. La mamma è sempre stata una colonna portante per la famiglia, attorno a lei è sempre aleggiata felicità, gioia e sorriso, ma da quando lei non c'è più la famiglia di Maddie è irriconoscibile, suo padre è disperato perchè ha perso l'amore della sua vita e suo fratello ormai è schiavo della droga, l'università è l'unico posto in cui Maddie si sente diversa, lontana dai suoi problemi che però continuano ad angosciarla. Vedete, anche questo aspetto, la storia di Maddie, non l'ho trovata poi così emozionante, non ha suscitato nulla in me, forse perchè il vero pathos da parte della protagonista non c'è, non viene espresso a parole, e difficilmente il lettore può immaginare che ci sia.
Braden, il ragazzo con gli occhi cielo, è sempre attorniato da belle ragazze che vogliono un'unica sola da lui, ma non si nasconde al lettore, che l'attenzione di Braden è sempre stata sul corpo di Maddie. Anche di Braden, non posso dir nulla, indifferente.
Un mese, sarebbero bastate solo 4 settimane, 28 giorni perchè Maddie facesse innamorare di se Braden, e perchè Braden portasse a letto Maddie, peccato che è bastato proprio questo tempo, se non meno, perchè i protagonisti perdessero la testa l'uno per l'altro. Non era in programma, certo, ma le cose accadono quando meno te lo aspetti, e si affrontano, solo così si può crescere.
"All'inizio lo odiavo, ma quando ho cominciato a conoscerlo mi è subito piaciuto. L'odio si è trasformato in amore. Non so com'è successo. A un certo punto, tra le risate e le lacrime, mi sono innamorata. E non riesco a vivere senza di lui." Maddie
Maddie cerca di convincersi di non amare Braden, di non essere caduta nella sua stessa trappola, tanto che lo paragona sempre più a suo fratello che odia e riversa l'odio che prova nei suoi confronti in Braden, che poverello si dimostra essere molto diverso e carino con Maddie. Anche in questa parte ho trovato un paragone fondato sul nulla, semplicemente per gli stessi occhi? Alla fine Braden è anni luce diverso dal fratello di Maddie, soprattutto perchè Braden non fa uso di sostanze stupefacenti che alterano la capacità di pensare e provocano comportamenti all'uomo irragionevoli.
Maddie ci mette tutta se stessa a non credere che nelle braccia di Braden finalmente trova la pace e la serenità, mentre Braden vorrebbe perdersi infinite volte nel cuore di quella ragazza, dall'apparenza una leonessa che dentro di se ha mille fragilità.
"Sai una cosa Mads? Devi lottare per l'amore, perchè quello vero non si trova facilmente. Non so chi sia quel ragazzo, o cosa sia successo tra voi, ma scappando non risolverai nulla. I sentimenti forti, la perdita, il dolore, la gioia e l'amore, ti seguono ovunque tu provi a fuggire. Puoi andartene in capo al mondo, ma l'amore ti seguirà anche li. Non è un luogo o un ricordo, è qualcosa che vive dentro di te, qualcosa che solo tu puoi sentire perchè è soltanto tuo. Non te lo lascerai mai alle spalle. Potrai attraversare Paesi e oceani, rifugiarti persino sulla luna, ma sarà sempre con te, resterà in un angolo oscuro del tuo cuore, aspettando solo che tu lo riconosca."
Le cose non dette, nascoste, hanno portato un po di movimento al romanzo, in mancanza del quale avrei bocciato apertamente il libro, perciò ritengo che siano stati opportuni, ma non il modo trattato. Proprio non capisco come abbia potuto pensare la scrittrice di trattare questa parte del romanzo in tal modo, mi domando come Braden un attimo prima era incavolato nero e l'attimo dopo ritornava da Maddie. I point of views non hanno aiutato per nulla il lettore ad immedesimarsi nella storia, se non forse l'ho reso più difficoltoso, perchè è stato proprio arduo per me comprendere certi atteggiamenti e comportamenti assunti dai protagonisti.
Potrà essere strano comprendere perchè, dopo quanto detto, non boccio il libro, ma penso che, anche se ci sono state cose che non mi sono andate a genio, la storia è pur sempre una bella storia d'amore, peccato che la scrittrice non abbia profuso quel pizzo di poesia e di romanticismo che nel "romance" è un "must".
"Perchè a volte lasciarsi andare è la chiave per godersi la vita." Maddie
Non ho odiato la storia, ma la lettura non è stata veloce ed entusiasta, perciò ritengo che sia un libro si da acquistare, per una lettura spensierata e free, ma non vi aspettate nessun batticuore o lacrime o altro. La mia valutazione complessiva è:

2 commenti:

  1. l'ho letto da poco appena ho tempo scrivo la recensione come te, mi trovo daccordo col tuo giudizio semplice senza troppe aspettative ma carino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Leonie, abbiamo gli stessi gusti e pensieri, un bacione cara <3

      Elimina

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Risponderò presto!