/ La Rapunzel dei libri (e non solo): Recensione: "Sei tu il mio per sempre" di Katy Evans

giovedì 16 luglio 2015

Recensione: "Sei tu il mio per sempre" di Katy Evans

"Sei tu il mio per sempre", noto come Real, di Katy Evans RECENSIONE
Salve a tutti voi, oggi vi recensisco questo libro, edito da Fabbri Editori, dal pubblico italiano tanto atteso. Il titolo è "Sei tu il mio per sempre" di Katy Evans, noto come "Real", tratto dalla serie omonima.
"Sei tu il mio per sempre", noto come Real, di Katy Evans RECENSIONE
Titolo: "Sei tu il mio per sempre"
Titolo originale: "Real"
Scrittrice: Katy Evans
Serie: Real,  composta da:
1. "Sei tu il mio per sempre" (Real) #1
2. "Mine" #2
3. "Remy" #3
4. "Rogue" #4
5. "Ripped" #5
6. "Untitled" #6
Brooke ha reinventato se stessa dopo la tragedia che le ha cambiato la vita, e ora lavora come fisioterapista. Quando la sua migliore amica la trascina a un combattimento clandestino di pugilato, basta uno sguardo di Remington Tate – l’enigmatico vincitore dell’incontro – a sconvolgere ogni sua certezza. Data la sua fama, quando Remington la invita nello spogliatoio Brooke pensa che si tratti solo di una notte di sesso. Invece il dolce viso di Brooke l’ha colpito con la stessa forza di un gancio che ti coglie alla sprovvista. Remy la vuole a ogni costo e, pur di averla accanto, la assume come fisioterapista. Brooke accetta subito, anche se non ha la minima idea di che cosa l’aspetta. Resistere alla bellezza e alla perfezione di quel corpo è impossibile. Resistere alla sensualità di quel le labbra e di quel sorriso sfrontato è totalmente inutile. Brooke non ha altra scelta che abbandonarsi a Remington, a quel piacere devastante che soltanto lui è capace di farle provare e all’amore incondizionato che pretende. Ma cosa succederà quando il lato oscuro di Remy prenderà il sopravvento?
"Mi offre il lavoro dei mie sogni, poi diventa il centro della mia esistenza fino a farmi rischiare tutto per lui." Brooke
Miei cari lettori, con piacere vi presento questo libro, dopo esser stato tanto atteso da noi lettori italiani, inaspettatamente, la Fabbri Editori ci ha regalato, pubblicandolo, "Sei tu il mio per sempre". 
Mi sono bastati 3 giorni, solo pochissime ore (o almeno credo perchè il tempo passato in compagnia dei libri vola) per divorare questo libro. 
Come spesso capita, preferisco dividere il libro una due parti: nella prima parte il lettore si concentra su Brooke, essendo la narratrice, conosciamo quasi tutto di lei, soprattutto le sensazioni che il suo corpo sprigiona al suono della voce di Remy, alla semplice vista del suo corpo, dei suoi occhi, al semplice tocco. Per quasi tutte le pagine della prima parte del libro, la scrittrice non manca di farci sapere quanto Remy sia sexy. Davvero bollente questo libro, forse forse è meglio non leggerlo in spiaggia, potreste aver bisogno di una bella doccia fredda xD. 
Remy, o Remigton Riptide Tate, è davvero un uomo sexy, virile, primitivo sul ring. Non guarda in faccia nessuno, combatte da campione, è molto ammirato dal pubblico, così che tutte le donne lo vorrebbero per una sera nel prorpio letto, ma lui non vuole nessuna di loro, fin quando i suoi occhi non hanno incontrato quelli di Brooke. 
Fin da subito, Brooke non è stata una semplice spettatrice, ma Remy l'ha vista come una donna, o meglio "la sua" donna, così Remy la ricorre per conoscere il suo nome e farle una proposta a cui non può dire di no. 
"Mi hai scelto, ancora prima di sapere che io avevo scelto te." Remy
Nell'arco del romanzo vediamo i due protagonisti approcciarsi in un modo insolito per noi. Non si parlano verbalmente ma tramite gli occhi, il corpo e la musica. Ognuno di loro sa l'effetto che provoca all'altro, ma nessuno ha coraggio di esprimerlo a parole, e per questo, in loro aiuto, c'è la musica. Remy è sempre stato abituato ad esprimersi in questo modo, perchè la sua vita non è stata rose e fiori, ha dovuto sopportare ingiustizie perchè il destino non è stato troppo buono con lui. Ma nonostante tutto Remy si è reinventato, è un uomo forte, fuori e dentro. E' un uomo coraggioso, che ha preso di petto la sua vita e l'ha trasformata in meglio, al massimo di ciò che poteva fare, così che ha trovato nella boxe il modo per scaricare le sue energie, le sue forze e la sua rabbia. A capirlo è Brooke, che ha trascorso un periodo buio della sua vita, le è bastato un attimo, un millisecondo, perchè tutto quanto andasse in frantumi, tutto ciò per cui aveva lavorato arduamente ed assiduamente, privandosi di qualunque cosa le potesse scombussolare i suoi obiettivi. E' Brooke la ragazza che lo comprende e che parla il suo stesso linguaggio, fin da questo momento capisco che Remy sia spaventato perchè non può perdere questa donna. Ha paura che la verità possa allontanarla e così finisce per reprimere i suoi istinti carnali. 
Ho ammirato Remy che ha messo in primo piano non se stesso, ma Brooke, e questo ci fa capire che il pugile non è pieno di se, ma è un carico di amore che non ha potuto donarlo a nessuno, perchè nessuno glielo ha permesso, ed ora tutto quell'amore immenso è per Brooke, che nonostante tutto resta ancora accanto al suo Remy. 
"Sei il mio unico pensiero, il mio unico sogno. I miei alti e bassi dipendono ormai solo da te, non più da me. Non riesco a dormire, non riesco a pensare, non riesco più a concentrarmi, ed è solo perchè voglio essere quello giusto per te." Remy
Si capisce che Brooke e Remy sono destinati a stare insieme, i loro corpi rispondono alla perfezione, combaciano tra loro, i loro occhi parlano da se, le loro anime sono intrecciate, e nulla potrà mai allontanarli.
Brooke e Remy diventano una cosa sola, diventano l'uno dell'altro, e nessuno potrà spezzare questo legame. Remy si dimostra molto possessivo, geloso e irascibile quando si tratta di Brooke, perchè la sua paura più grande è quella di perderla. Ora che ha trovato il pezzo mancante del suo cuore, Remy non può permettere a nessuno e ad alcuna cosa di opporsi alla loro unione. 
"Ho la sensazione che sia stato creato per me. Per le mie carezze. Mio. Mio. Mio." Brooke
Nel corso della lettura mi sono accorta di essere stata allerta allerta, timorosa di quanto poteva succedere, in quanto diversi saranno gli ostacoli da combattere per la loro relazione, alcuni dei quali mi auguro vengano affrontati nei libri successivi. 
Mi sono accinta alla lettura con grane entusiasmo, dato che per passaparola si era diffusa la notizia che questo fosse un grande libro, da brivido, e con tanta bramosia abbiamo atteso, io con altri lettori più accaniti, perchè potessimo averlo tra le mani e leggerlo con il fiato sospeso. In questi casi però può accadere che il libro è veramente sbalorditivo e ti lascia effettivamente senza fiato, in altri ti delude un po in quanto il lettore crede e spera in qualcosa di stratosferico e indimenticabile. Purtroppo è proprio quest'ultima ipotesi che si è verificata per il libro di Katy Evan. Sapete che sono una romanticona dal cuore grande grande, che adoro le parole da batticuore degli autori, ma questo libro mi ha lasciata perplessa. Per tutta la prima parte l'ho trovato un po noioso e ridondante dato che la protagonista non la smetteva di ricordare quanto il suo corpo fosse sensibile al pensiero o alla vicinanza di Remy, ha tormentato tutti noi con questi suoi desideri non soddisfatti, fin quando all'improvviso viene tranquillizzata, ho mentalmente ringraziato Remy per aver soddisfatto i suoi bollenti ardori. Non nego che pero, a più di metà romanzo, la storia cambia tono. Parliamo di sentimenti più reali e vividi rispetto a quelli carnali. In questa seconda parte i protagonisti sono presi non solo a livello fisico ma anche mentale e questo fa migliorare di gran lunga il romanzo.Finalmente emerge Remy, in tutto il suo splendore, le sue paure e le sue insicurezze, il suo amore, insomma tutti i suoi sentimenti che fatica a dichiararli ma che li dimostra nel suo silenzio. 
"Sono tuo adesso. E non puoi più scaricarmi. Anche se sono un casinista, sarò sempre il tuo casinista."
"Non sei il mio casinista. Sei la mia realtà." Remy e Brooke
Remy parla e si apre solo nell'ultimo capitolo, che è quello migliore di tutto il romanzo, perciò mi sono domandata: per quale motivo la scrittrice non ha utilizzato come narratore Remy? A mio parere, se a narrare fosse stato Remy, questo sarebbe stato un romanzo singolare, avrebbe catturato l'attenzione di molti lettori, li avrebbe fatti appassionare della storia perchè tutti i lettori sono entusiasti di Remy, proprio come i suoi fan. E' un uomo misterioso e come spesso accade nei loro confronti, il lettore matura una insana voglia di comprenderlo il più possibile, in questo modo il lettore conosce più che altro Brooke e di certo non ci ha emozionato fortemente. Spero di trovare quello che cerco, insomma il batticuore, nei prossimi romanzi. Nonostante non abbia lodato questo romanzo non penso sia da scartare o bocciare totalmente, la storia ha tutti i presupposti per emozionare il lettore perciò spero che la scrittrice abbia fatto di meglio nei successi romanzi, perciò non dimenticate, mie lettori, di non giudicare un libro fin dall'inizio, continuate la lettura e, se potete, concedetevi la lettura dei successi romanzi, solo in tal modo potremmo bocciare o meno questa serie. 
Un bacione grande grande a voi che mi seguite, a presto nuove e bellissime novità, sempre qui sul mio blog. 
La mia valutazione:
Non dimenticatevi di scrivere nei commenti cosa pensate del romanzo. Scrivere è bellissimo, riesco ad esprimere le mie sensazioni a termine lettura ma condividere con voi queste opinioni e confrontarmi è tutto un altro paio di maniche, sarebbe meraviglioso conoscere i vostri pensieri su questo romanzo. A presto, baci XD

9 commenti:

  1. mi sa che questo diventerà un altro libro da mettere in lista... la mia lista cresce precipitosamente ma d'altronde quando si legge una recensione come la tua è impossibile non lasciarsi trasportare dalla voglia di leggere questa storia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leonie sono molto contenta del tuo pensiero, mi gratifichi sempre e grazie alle tue parole ho sempre più energia e voglia di proseguire la mia attività di bookblogger. Di questo libro posso dirti che si, non puoi mancare di leggerlo, dovresti, concedigli una possibilità, ma non avere alte aspettative, non è paragonabile ad "A fior di pelle" di Sophie Jackson. Lo hai letto?

      Elimina
    2. è in lista anche quello :-)

      Elimina
  2. Ma sono.autoconclusivi? .. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no, il secondo romanzo della serie è ancora incentrato su Remy e Brooke ;)

      Elimina
  3. Ciao c: !
    Sono quasi allibita dalla valutazione che hai assegnato a questo libro e mi convinco di essere pazza. Io non solo non l'ho trovato un bel libro, ma anzi: mi è sembrata la quintessenza del trash. Davvero.
    Sarò io, evidentemente, che ho gusti diversi dai tuoi, ma... No, l'ho trovato patetico con questa Brooke così incosistente e con un unico pensiero: fare sesso con Remington. Parliamo di lui? Mi è sembrato solo uno scimmione un po' stupido, primitivo, ninfomane e superficiale. Sono troppo dura? Non so, a me non è paciuto per niente, ma rispetto il tuo parere...
    Se ti va di leggere la mia recensione, anche solo per avere un parere diverso dal tuo ti lascio il link: Raggywords: Recensione di "Sei tu il mio per sempre".
    Scusa per l'eventuale spam indesiderato,
    Rainy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo abbiamo gusti diversi, non lo nego, il mondo è bello perchè è vario, ma ti dirò che il libro non l'ho bocciato apertamente. Ci sono cose che non mi sono piaciute. Mi ritrovo con te in merito a quanto dici su Brooke, ma non su Remy. Ha problematiche sue, che l'hanno reso quello che è insomma. Ecco perchè non è un personaggio come gli altri. Nella mia valutazione ho voluto premiare il personaggio maschile, che mi ha incuriosito molto. La sua storia, chi è diventato, insomma un personaggio fuori dal comune. Certo non è stato un romanzo che mi ha lasciata senza respiro ma ho saputo apprezzare Remy

      Elimina
  4. adesso che l'ho letto posso dire che la tua idea iniziale che avevo letto mi convince ancora di più, sono daccordo quando dici che forse raccontato dal punto di vista di Remy la storia sarebbe stata più apprezzata. A un certo punto ho trovato molto ripetitivo che Brooke non facesse altro che pensare a quando sarebbero andati a letto insieme, in questo genere di romanzi mi sembra normale ma in lei l'ho trovato un pò eccessivo. Nel complesso però è un libro carino da leggere a parte qualche cosa che non mi ha convinta del tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco Susy, mi trovo perfettamente d'accordo con le tue riflessioni.

      Elimina

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Risponderò presto!