/ La Rapunzel dei libri e non solo | Rosalba Ranieri : Recensione: "Cinque ragioni per odiarti" di K.A Tucker

lunedì 17 agosto 2015

Recensione: "Cinque ragioni per odiarti" di K.A Tucker

Cari lettori, la recensione di oggi è dedicata al quarto e ultimo romanzo della serie "Dieci piccoli respiri" di K.A. Tucker. Parlo di "Cinque ragioni per odiarti", noto negli U.S.A come "Five ways to fall".
Versione cartacea, regalatami dalla casa editrice

Titolo: Cinque ragioni per odiarti
Titolo originale: Five ways to fall
Scrittrice: K.A. Tucker
Serie: Dieci piccoli respiri
quarto romanzo
Pagine: 383
Casa editrice: Newton Compton
Pubblicato: 23/07/2015

Reese MacKay – ragazza diretta e anticonformista – sa bene cosa significhi fare delle scelte sbagliate: ne ha commessi di errori, in meno di vent’anni di vita. Ecco perché, dopo che il suo matrimonio-lampo è naufragato, decide per una svolta netta: si trasferisce a Miami con l’intenzione di mettere la testa a posto. E sembra proprio esserci riuscita, a parte quell’avventura di una notte in un locale di Cancun con un biondo affascinante di nome Ben… Ma per fortuna, Reese può lasciarsi quest’ultima avventura alle spalle e tornare alla sua vita tranquilla. Ben, intanto, ha finito l’università ed entra a lavorare come praticante in un prestigioso studio legale. Che sorpresa scoprire che il suo nuovo capo è anche il patrigno di quella favolosa ragazza che aveva incontrato in Messico e alla quale non aveva mai smesso di pensare. Ma Reese è una ragazza difficile, una di quelle da cui tenersi alla larga, e inoltre qualsiasi passo falso potrebbe costargli il posto. Nonostante questo, non riuscirà a restare lontano da lei molto a lungo…


Dopo qualche giornata passata all'insegna del relax (perché si sa, la settimana di ferragosto è una vera goduria), mi permetto ora di scrivere del libro "Cinque ragioni per odiarti", l'attesissimo romanzo conclusivo della serie "Dieci piccoli respiri", della quale potete leggere qui. Per chi ha avuto modo di sbirciare già nel blog sa quanto mi sia piaciuta questa serie e per concludere la scrittrice ci racconta di un altro protagonista molto interessante, che fin dal primo capitolo ha attratto su di se l'attenzione di migliaia di lettrici. Circondato da belle donne, Ben conduce la "bella vita", conosce Kacey (protagonista del primo romanzo), che sfugge al suo fascino, con la quale instaura un bellissimo rapporto di amicizia, tanto che è proprio Kacey a cambiare la vita di Ben. Da semplice buttafuori del Penny's, un locale di spogliarelliste, Ben studia per diventare avvocato, grazie ai numerosi consigli di Kacey, amplia i suoi orizzonti e si scopre sempre più interessato alla materia tanto da conseguire una laurea ottima, con eccellenti voti. Del ragazzo tutto muscoli e sorrisi conosciamo ben poco, è sempre presente nei romanzi precedenti, se ne fa un solo accenno, ma in quest'ultimo Ben è il cuore del libro, perciò se vi ha incuriosito e interessato questo protagonista non dubitate e comprate il romanzo. In ben 383 pagine Ben si dimostra essere un uomo dai mille aspetti. Lo abbiamo conosciuto come un vero sciupa femmine, un playboy, ma in questo romanzo lo scopriamo anche essere figlio, amico, amante, e tanto altro...

Non nascondo che questo protagonista sia alquanto singolare rispetto a quelli letti fin ora e che mi abbia lasciato sempre con un sorriso sulle labbra nel corso della lettura, perciò questo libro è dai toni ironici e non impegnativi, ottimo per una lettura in pieno relax, ovunque voi siate. 
Il protagonista di carta Ben è davvero ben fatto, l'ho adorato senza remore, è il classico belloccio ma non senza sale in zucca. Si, magari è un po superficiale, almeno con le donne ma man man anche in quel frangente Ben si dimostra essere diverso. 
Ben è devoto alla propria famiglia, lo conosciamo nelle mura di casa sua, e vediamo quanto sia amorevole e altruista nei confronti di sua madre e i suoi fratelli, peccato che però proprio la sua famiglia nasconde un passato triste, che ha reso fragili e distaccati tutti i suoi componenti. Ben è anche un ottimo amico, in grado di andare oltre alle apparenze e amicarsi anche il più sfigato del college. Ho apprezzato tutti questi lati di Ben perché finalmente il lettore legge di un personaggio quasi reale, che semplicemente vive al pari di qualsiasi altro uomo. 
Aver terminato la scuola di Legge lo ha maturato e Ben, una volta iniziato il suo praticantato, decide di iniziare una nuova vita, insomma di non cedere così facilmente alla tentazione femminile, peccato che non aveva messo in conto di quanto il destino, alle volte, si faccia beffardo dell'uomo e Ben si trova nello stesso studio legale con Reese, la ragazza dai capelli viola che mesi prima lo aveva stregato. Ben non si era mai tanto incaponito con una ragazza prima di Reese, l'aveva ricercata ovunque ma inviano e finalmente eccola lì, con un look completamente diverso e sofisticato, che lavora nel ufficio vicino al suo. Sia Ben che Reese sono entrambi molto stupiti di ciò che vedono i propri occhi, Reese è fortemente imbarazzata mentre Ben sorride e si fa beffa di lei. In queste scene c'è proprio quel pizzico di divertimento che fa rallegrare il lettore, il quale, una volta iniziata la lettura, la continua sperando ancora di leggere le battute sorridenti dei protagonisti. 
Anche Reese è una protagonista alquanto sopra le righe, è, oserei definirla in gergo, una tipa "tosta", infatti quale donna guiderebbe una Harley? Non si fa mettere i piedi in testa, ha vissuto la vita come meglio credeva, e non nega a se stessa di aver fatto degli errori e ora in quello studio legale cerca una strada da intraprendere per il suo futuro. L'incontro con Ben è molto mortificate per Reese ma lei ancora non sa che Ben sarà il toccasana per il suo cuore spezzato, perché nessuno prima di Ben è stato tale da farla sorridere e renderla spensierata, attimi di puro benessere mentale che attendeva da tempo. Con Ben, Reese stacca la spina dal resto del mondo e pian piano in lui trova qualcosa che non avrebbe mai pensato di volere. 
Per la prima volta in vita sua si sente amata e scopre che per quanto la gente sia in grado di arrecarti dolore la vendetta non è il modo giusto per ripagarla, bensì il rifarsi una nuova vita, migliore della precedente, più felice e serena. Quante cose riscopre Reese su se stessa, scopre di non  esser mai stata amata da sua madre, che il suo comportamento nei suoi confronti non era assolutamente amorevole e tenero; scopre che al mondo c'è gente a cui basta dare poco per ricevere tanto perché appari una bella e brava ragazza che si chiude in se stessa per le profonde insicurezze e lacune che gli altri non hanno colmato; scopre l'amore di una donna verso l'uomo della sua vita, l'amore di una mamma verso un figlio e quello del figlio verso la mamma, scopre cosa significa la parola famiglia, che non ha mai avuto. Il tutto grazie a quel ragazzo attraente che sembra proprio non poter fare a meno di lei. 
Ben conosce bene le regole dello studio legale: non intrattenere relazioni sentimentali tra i dipendeti, ma Reese è diversa, è la donna che fa al caso suo, l'unica da cui cerca di più che una sola notte di passione e non potrà certo farsela scappare per rispetto di questa regola, perchè se c'è una cosa che ama fare Ben Morris è quello di conoscere le regole, interpretarle, e conoscere tutti i modi per infrangerle. Nasce tutto come una amicizia ma che si evolve pian piano grazie all'attrazione sessuale che sprigionano i loro corpi. Non lo sapevano ancora ma quel qualcosa che è sorto tra loro è destinato a essere molto grande e potente, è amore. 
"L'unica cosa che ho desiderato è di prendere tra le mie mani quel suo cuore enorme e proteggerlo da altro dolore. Dolore come ne ho visto ieri sera. Il tipo di sofferenza che si prova quando si deve affrontare l'amarezza profondamente radicata che Ben ha dovuto affrontare per anni." Reese
Sapete, romanzi come questi li trovo essere molto piacevoli e appaganti se si vuol leggere di una storia senza pretese. C'è passione, intesa, complicità, comprensione, amicizia, tenerezza, gelosia, insomma tutto quello che c'è in una coppia, seppure senza alcuna etichetta, i due protagonisti si scoprono essere molto legati tra loro. Una storia che per questo senso appare molto vicina alla realtà, anche perchè priva da romanticherie da batticuore.
Ho apprezzato molto i protagonisti se analizzati uno per uno. Ben ha sempre catturato la mia attenzione  e ora che ho potuto finalmente leggere di più su di lui vi dirò che è veramente un bellissimo personaggio di carta, e bisognerebbe inventarli davvero degli uomini così, passionali, sensibili, amichevoli, amorevoli e spiritosi. La sua ironia, il suo spirito divertente è quello che attrarrà Reese. Inoltre la scrittrice, ci propone una protagonista femminile tutto dire, Reese è davvero una donna forte, coraggiosa, sentimentale, anche se non si direbbe dalle prime pagine, una donna perfetta accanto al nostro Ben. Una coppia, in certi punti stramba, non ve lo nego, ma che ha catturato l'attenzione da lettore che è in me. Il romanzo è un concentrato di sensazioni, che il lettore percorre gradualmente. Se cercate una piacevole compagnia libresca "Cinque ragioni per odiarti" fa al caso vostro, e se non avete ancora letto i libri che lo precedono nella serie correte ad acquistarli e fateli vostri, sono uno più bello dell'altro. 
La mia valutazione:

Un ringraziamento speciale va all'addetta ufficio stampa Newton Compton, senza l'ausilio della quale non avrei mai potuto leggere con ardore questo romanzo. Spero vi sia piaciuta questa recensione, vi saluto tutti e vi auguro buon proseguimento di giornata. 

Nessun commento:

Posta un commento

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Risponderò presto!