/ La Rapunzel dei libri e non solo | Rosalba Ranieri : Recensione: "Ti porto via con me" di Kristen Proby

domenica 13 settembre 2015

Recensione: "Ti porto via con me" di Kristen Proby

Salve lettori, eccovi un'altra recensione. 
Vi parlo di "Ti porto via con me" di Kristen Proby, noto in USA come "Come away with me", primo di una lunga serie.
Acquistato nella versione ebook



Titolo: Ti porto via con me
Titolo originale: Come away with me
Scrittrice: Kristen Proby
Serie: "With Me in Seattle"
primo romanzo
Pagine: 330
Casa editrice Newton Compton 
Data di pubblicazione: 27/08/2015

Natalie Conner non si aspettava di certo di essere aggredita in malo modo da uno sconosciuto solo per aver scattato qualche foto sulla spiaggia. Ma chi è questo tipo misterioso e bellissimo? E perché è convinto che Natalie stesse fotografando proprio lui?
Luke Williams vuole solo essere lasciato in pace e detesta i paparazzi. Ma quando scopre che la giovane fotografa non ha idea di chi sia lui e si stava limitando a immortalare il paesaggio per lavoro, cerca di farsi perdonare da lei per il suo comportamento scorbutico. Ma cosa succederà quando Natalie scoprirà quello che Luke le sta nascondendo?


Questa volta non ho fatto per bene i miei compiti, lo so. Ho rimandato la recensione di questo romanzo troppo a lungo e conosco bene anche il motivo. Purtroppo non mi piace parlare male di un libro, ma questo è proprio il caso.
Questo libro NON mi è piaciuto. Più secca di così si muore. 
Badate bene che il libro non è terribile, ma allo stesso tempo, a mio modesto parere, è stata una lettura che non mi ha trasmesso alcunché. Forse perchè non c'è una storia che si evolve ma sembra piuttosto essere un racconto, giorno per giorno, di due amanti, abbastanza spensierati. Non c'è nessun sviluppo, nessun cambiamento, nessuna svolta, niente se non una coppia che si ama per tutto il libro e questo mi ha annoiato profondamente. Sapete, in questi romanzi dal genere 'erotic' ci si aspetta l'elemento passionale, insomma la passione travolgente e a noi piace anche, ma questo libro non mi ha preso e coinvolto per niente. Credevo di immergermi in una bella storia d'amore, ma niente di più piatto poteva aspettarmi e così sono rimasta fortemente delusa. 
Natalie è una bella donna, che non ha ancora trovato l'amore, mai nessuno le ha fatto desiderare di avere una relazione, se non che un giorno incontra un bellissimo attore, diventato ormai registra, del quale ignora assolutamente l'identità, e così i due si conoscono, si piacciono, e alla velocità della luce, si innamorano. Ecco che in questa storia c'è quello che si chiama "colpo di fulmine", ma noi ci crediamo? Forse è troppo lontano dalla realtà e così il libro non racconta altro che di una storia attorno questi due statici protagonisti.
Sembra che si siano trovate due anime gemelle, con così rapidità che il lettore neanche si accorge che sono passati dal semplice piacersi all'amarsi. Davvero, si dicono 'Ti amo' con una velocità impressionante.
La scrittrice ha voluto creare attorno i protagonisti un passato non proprio roseo, ma anche questo affrontato con così velocità che il lettore non ha badato al loro racconto. Insomma è possibile che una storia dolorosa, vissuta sulla propria pelle, venga detta in auto e poi, pluf, non se ne parla più? E' alquanto irreale, magari poteva essere interessante il momento in cui uno sveli all'altro il proprio passato, ma anche in questo caso, mare piatto.

A parte la mancanza di una storia coinvolgente, tutto sommato il libro presenta uno stile, quello della scrittrice, che si fa leggere serenamente, ma questo non basta.
So che non dovrei essere così amara, ma credetemi quando vi dico che questo romanzo è un flop. Un buco nell'acqua, leggerlo e non leggerlo è la stessa, medesima cosa.
E' una lettura spensierata che magari può interessare chi ancora si sta crogiolando sotto il sole settembrino (abito in Puglia e da noi l'autunno tarda ad arrivare. Meglio così.), ma non la consiglierei neanche a loro dato che il romanzo non invita alla lettura. Ed è cosi che lettore non ci pensa due volte e chiude il libro, ancor prima di finirlo.
Mi dispiace tanto dover bocciare un romanzo, ma di 'Ti porto via con me' non mi resta nulla, se non il ricordo di un libro statico, che mi ha tediato per quel po di tempo che ho dedicato alla sua lettura. Ho proseguito la lettura per più di metà libro, speravo davvero che succedesse qualcosa che potesse incuriosirmi, perchè magari non accade con tutti i libri che vi sia amore a prima vista, o meglio, amore fin dalle prime battute, ma niente di niente e così è successo ciò che non auguro a nessun lettore: ho chiuso il libro senza giungere alla sua conclusione. 
Magari quando avrò smaltito un po di romanzi potrò tornare a leggere i restanti capitoli, ma avrò bisogno di molto coraggio per riprenderlo tra le mani, dato che il ricordo che mi lascia non è alquanto piacevole.
Forse sbaglio a scrivere queste parole dato che ho lasciato incompleta la lettura, ma ricordo che questi sono semplici pensieri basati sulle mie sensazioni e per me il libro si è fermato a poco più della metà.
Magari voi avrete un'impressione diversa dalla mia, riuscirete a giungere alla parola fine e potrete dirmi come la pensate.
Vi lascio la mia valutazione complessiva:

E voi cosa ne dite? Avete letto questo romanzo? Condividete o meno le mie parole? Attendo i vostri commenti.

6 commenti:

  1. in realtà oltre la tua avevo già letto una recensione negativa e quindi ero indecisa se leggerlo o no, adesso leggendo quello che scrivi mi sono convinta del fatto che è meglio leggere qualcosa di più interessante.
    Grazie del consiglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non sono l'unica a parlarne male. Ecco Susy, faresti bene a spostare l'attenzione su altri titoli, magari più piacevoli di questo. Baci <3

      Elimina
  2. Ciao Rosalba, sono contenta di avere letto la tua recensione, perché ero indecisa se acquistare o meno il libro, e mi hai dato una grande mano nel decidermi XD

    Sinceramente nemmeno io amo i romanzi statici, dove i protagonisti sono piatti e non c'è un minimo di azione, tra l'altro se questo è il primo di una lunga serie non oso immaginare come saranno gli altri XD
    Complimenti per il blog, mi piace moltissimo! Simona :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo. No, 'Ti porto via con me' non lo consiglio per niente. C'è tanto altro di gran lunga più bello. Anch'io ho pensato la stessa cosa, chissà come saranno gli altri, può sempre succedere che la scrittrice sia migliorata, ma chissà. Non so se avrò il coraggio di comprare qualcosa di suo più in là. Grazie, sono contenta ti piaccia il blog. xD Ti abbraccio <3

      Elimina
  3. Ciao! Sono felice di aver letto quello che dici perchè mi aveva incuriosita, ma avevo letto un altro parere contrastante.
    Grazie, già di tempo per leggere ultimamente ne ho pochi, buttarlo in letture inutili non mi va!
    Buon lunedì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lexla sono contenta che le mie parole ti siano state di molto aiuto. Sai che sto leggendo il tuo romanzo, mi sta piacendo tanto, perciò vedi di scrivere subito il secondo libro. Baci cara <3

      Elimina

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Risponderò presto!