giovedì 17 marzo 2016

Gli estratti: 'Infinito + 1' di Amy Harmon

Cari lettori, quest'oggi voglio condividere con voi uno stralcio tratto dal libro 'Infinito + 1' di Amy Harmon, la mia lettura corrente. Ciò che leggerete qui di seguiro è una delle parti del libro, a mio parere, più belle, di infinita dolcezza e amore. 
Penso che questo estratto sia una delle parti che rendono meraviglioso questo libro. 
'Infinito +1' è già nel mio cuore.

Titolo: Infinito +1 | Titolo originale: Infinity + One | Scrittrice: Amy Harmon | Libro auto-conclusivo | Pagine: 352 | Genere: Young Adult | Data di pubblicazione: 15/02/2016 |Casa editrice: Newton Compton

Bonnie Rae Shelby è una superstar. È ricca, bellissima e famosa. E desidera morire. Finn Clyde è un signor nessuno. È brillante e cinico. Ma è completamente a pezzi. E tutto ciò che vuole è la possibilità di vivere ancora. Finn ha un passato con cui confrontarsi, Bonnie un futuro che non vuole affrontare. Un ragazzo, una ragazza, una strana serie di circostanze impreviste e una scelta: voltarsi dall’altra parte e ignorare ogni cosa o tendere la mano e rischiare tutto. Così, mentre il ticchettio di un orologio scandisce il tempo della scelta, inizia la loro avventura, un viaggio che cambierà per sempre le loro vite. Infinito + 1 è un romanzo romantico e struggente sulle infinite possibilità dell’amore, l’ultimo della ormai consacrata e amatissima autrice Amy Harmon.


Finn girò intorno allo scivolo e le si fermò proprio davanti, poi alzò gli occhi verso di lei.
Bonnie sbatté le ciglia ed ebbe un breve sussulto, come se per un attimo pensasse che Finn non fosse reale. Poi sorrise. Quel sorriso diceva che era felice di vederlo, era rapita dalla sua presenza. [...] Bonnie sorrideva guardando Finn, il viso pieno di luce, e lui la perdonò. All’istante. Non era più arrabbiato. Non era più spaventato. Non aveva più voglia di strangolarla, legarla e chiamare la polizia. Quei pensieri erano spariti, evaporati come fiocchi di neve sulla lingua di Finn.
Era l’una di notte di un giovedì di fine febbraio, in un parco gelido e deserto di Saint Louis, e non c’era nessun altro posto al mondo in cui lui avrebbe desiderato essere.
«Ciao», lo salutò Bonnie.
«Ciao». Porca miseria. Adesso anche lui sorrideva e scuoteva la testa in segno di resa. «Come diavolo devo fare con te?»
«Puoi spostarti, così scivolo». Gli fece l’occhiolino. Lui restò immobile. E lei si lanciò. Finn sapeva che lo avrebbe fatto. Bonnie volò verso di lui, gridando di felicità, e all’ultimo secondo lui si spostò evitando che due stivali da cowboy rossi lo colpissero negli stinchi. Ma lei gli cascò addosso lo stesso, come un ciclone, attorcigliò le gambe intorno a lui, e lui l’afferrò cadendo all’indietro. Le spesse piastre di protezione di gomma attutirono in gran parte la caduta, ma Finn si ritrovò disteso con la schiena per terra e Bonnie sopra di lui.
«Ti avevo detto di spostarti». Bonnie rise, il viso sopra quello di Finn, il berretto di lana appiccicato in testa. Lui glielo tirò via, e lei si passò subito una mano sui capelli in un gesto imbarazzato, piegando i ciuffi elettrizzati. Anche lui glieli accarezzò, una carezza che non aveva niente a che fare con la sua capigliatura, ma esprimeva solo il suo infinito bisogno di toccarla.


Questa è una delle parti del romanzo che preferisco. Spero che questo estratto vi abbia incuriosito e vi abbia invitato alla lettura.
E voi, avete letto 'Infinito +1'? Non ancora? Lo leggerete? 
Cosa pensate del piccolo stralcio che vi ho riportato? Bello, vero?
Scrivetemi nei commenti. Vi aspetto.
Baci, 
R.

2 commenti:

  1. Ero quasi sicura che questo libro ti sarebbe piaciuto :-)
    Aspetto di leggere la tua recensione quanto prima.
    Un abbraccione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Susy, tu ormai capisci al volo i miei gusti in fatto di libri.
      Aspettati una recensione tutta rosa e cuori.
      Straordinario.
      Un bacionissimo <3 <3 <3

      Elimina

TI POSSONO INTERESSARE

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Ti aspetto!