martedì 29 novembre 2016

"L'ombra del vento" di Carlos Ruiz Zafόn | Recensione

Salve lettori, quest’oggi vi parlo di un must read: "L'ombra del vento" di Carlos Ruiz Zafόn

L'OMBRA DEL VENTO (LA SOMBRA DEL VIENTO) | CARLOS RUIZ ZAFON | IL CIMITERO DEI LIBRI DIMENTICATI #1| MYSTERY- FICTION | 439 PP | MONDADORI | EDIZIONE OSCAR 24/05/2016 | 12,50€
A Barcellona una mattina d'estate del 1945 il proprietario di un negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo segreto dove vengono sottratti all'oblio migliaia di volumi di cui il tempo ha cancellato il ricordo. E qui Daniel entra in possesso di un libro "maledetto" che cambierà il corso della sua vita. Perché dal passato iniziano a emergere storie di passioni illecite, di amori impossibili, di amicizie e lealtà assolute, di follia omicida, e un macabro segreto custodito in una villa abbandonata. Una storia in cui Daniel ritrova a poco a poco inquietanti paralleli con la propria vita. Mystery, romanzo storico e tragedia amorosa, L'ombra del vento fa rivivere la grande tradizione del feuilleton ottocentesco con una sensibilità squisitamente contemporanea. Clamoroso caso editoriale, è il libro che ha imposto Zafón sulla scena internazionale, e da allora non ha smesso di stregare milioni di lettori in tutto il mondo.


RECENSIONE
"Le ore volarono mentre lui si immergeva nella magia delle parole, mutava nome e pelle e si immedesimava nei sogni di personaggi fittizi che ormai erano il suo unico conforto."
Ricordo ancora il giorno in cui mi avvicinai per la prima volta a Carlos Ruiz Zafόn. Spinta dalle parole entusiaste delle mie amiche diedi un’occasione a "L'ombra del vento”, nonostante fossi scettica sul fatto che potessi apprezzare appieno il libro perché all'epoca io e la lettura non ci tolleravamo a vicenda. Obbligata a leggere romanzi che non appartenevano e non appartengono al mio genere letterario preferito, ho abbandonato per lungo tempo la lettura, ma il libro con il quale ho riacquistato la gioia di tornare sulle pagine di un romanzo è “L’ombra del vento”.
E’ stato il primo romanzo che riprendevo in mano dopo anni e non ci crederete se vi dicessi che con "L'ombra del vento" ho scoperto che un libro può essere un rifugio straordinario. Zafόn mi conquistò per la storia che aveva raccontato, oggi invece Zafόn mi ha conquista per il suo modo di scrivere, leggiadro e un po’ poetico, come piace a me. Zafόn però non ha solo una penna da far invidia a molti scrittori ma ha anche capacità di tessere una trama e arricchirla di personaggi che rendono una storia vera, autentica, amabile dai lettori, che si impossessa dell’animo del lettore.
"Un giorno  sentii dire da un cliente della libreria che poche cose impressionano un lettore quanto il primo libro capace di toccargli davvero il cuore. L'eco di parole che crediamo dimenticate ci accompagna per tutta la vita ed erige nella nostra memoria un palazzo al quale- non importa quanti altri libri leggeremo, quanti mondi scopriremo, quante cose apprenderemo o dimenticheremo- prima o poi faremo ritorno. Per me, quel libro sarà sempre quel romanzo che avevo salvato dagli oscuri corridoi del Cimitero dei Libri Dimenticati."
Rileggere il primo romanzo con il quale ho conosciuto lo scrittore è stato l’ennesima conferma che Zafόn è uno dei migliori scrittori che esista al mondo e se non avete letto ancora uno dei suoi romanzi vi siete persi la meraviglia. Non posso svelare molto del romanzo, altrimenti vi toglierei la bellezza di scoprire la storia che si svela pagina dopo pagina; non voglio togliervi il piacere di guardare la Barcellona del 1900 dagli occhi di Daniel Sempere, il nostro protagonista, ma soprattutto non voglio raccontarvi null'altro di Julián Carax, uno scrittore misterioso, sul quale il nostro protagonista indagherà spinto dal desiderio di conoscere a fondo Carax. Quel Julián Carax gli aveva regalato una notte, nonostante la sua giovane età, memorabile con il suo romanzo: “L’ombra del vento.”

Vi basta sapere che si tratta di una storia fatta di veri sentimenti: amori, tradimenti, rabbia, rancori, passioni, pentimenti, tutto si intreccia nelle pagine del romanzo, che racconta una storia d’amicizia e d’amore, fatta di intrighi e misteri. E’ sicuramente questo aspetto a rendere avvicinate il libro.  L’indagine, il desiderio di scoprire nuove informazioni sull'uomo del mistero, rende il lettore restio ad abbandonare il romanzo.  
Questo romanzo ha un quid in più di molti altri, seppure si tratti di un romanzo puramente inventato, le situazioni, le parole, i sentimenti dei protagonisti sembrano molto veri, reali. Credetemi, questa storia s’imprimerà nella vostra mente e la conserverete nel cuore, l’unico posto in cui potrà restare un libro che avrete amato, che avrete adorato.
Dopo aver letto “L’ombra del vento” di Carlos Ruiz Zafόn, non potrete fare a meno di continuare leggere altri libri. Vi innamorerete del libro, ma vi innamorerete anche di tutti gli altri libri, perché è certamente una delle storie più belle, scritta per  celebrare l’importanza e la bellezza dei libri. Dopo anni di letture intense non ho più abbandonato la lettura e ne farò tesoro per gli anni a venire perché i libri sono importanti, ti fanno sentire al sicuro, perché si guarda il tutto dietro una pagina, fatta di carta e inchiostro, sul comodo divano di casa, con una coperta sulle gambe e una tazza di cioccolata calda tra le mani. I libri danno calore, compagnia, felicità, perché se non puoi vivere certe emozioni nella realtà, condividendole con le persone che ti circondano, puoi viverle grazie i libri, tramite i protagonisti. E’ così che ho vissuto nella Barcellona del XX secolo, con gli occhi di un ragazzo un po’ ingenuo e innamorato, appassionato dei libri, delle storie che si celano dietro i libri e degli occhi di una ragazza che non può dimenticare.
"Avrei voluto che quel bacio ingannasse il tempo, che lo inducesse a non fermarsi, a tornare a un altro giorno, a un'altra vita."
Tra i diversi protagonisti, uno, che credo bisogni menzionare, è  il padre di Daniel. Il suo gran cuore e la sua bontà mi hanno colpito non poco. La sua tenerezza mi ha affascinato ed è uno dei personaggi più belli che abbia mai incontrato nei libri. Un altro protagonista che ha allietato la lettura è Fermín, grazie a lui il lettore può farsi grasse e grosse risate, ha una bocca grande grande per quante idiozie racconta, ma riesce a sdrammatizzare e a rendere colorito il romanzo. Non dico che vi sbellicherete dalle risate, ma Fermín vi farà sorridere, è davvero comico. Tuttavia Fermín non è solo un personaggio divertente, è anche un buon amico e con lui Daniel è nelle buone mani.
“L’ombra del vento” è uno dei libri più belli che abbia mi letto,  non potrei esprimere a parole quanto il libro mi abbia emozionato.  Vi conviene leggerlo, perché solo in questo modo potrete scoprire quanta magnificenza si possa nascondere in un libro.

Bene lettori, questo è quanto.
Cosa pensate del romanzo? L'avete letto? Se non l'avete fatto ancora, rimediate al più presto. 
Un posto speciale sulla mia libreria meritano i libri di Zafόn.
Bacioni, R ♥

2 commenti:

  1. Anche a me è piaciuto tantissimo questo libro. Devo trovare il tempo di scrivere la recensione.
    E' davvero un bravo scrittore Zafon

    RispondiElimina
  2. Ciao Rosalba! 😊
    Proprio l'altro giorno una mia amica lo stava leggendo in classé e mi è venuta un po' di curiosità. Tu mi hai totale,mente convinta! Lo aggiungo in wishlist 😍

    RispondiElimina

TI POSSONO INTERESSARE

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Ti aspetto!