martedì 13 dicembre 2016

"Una fredda mattina d'inverno" di Barbara Taylor Sissel | Recensione

Salve lettori, continuano le nostre recensioni. Quest'oggi vi proponiamo un libro thriller, non proprio nelle nostre corde, ma a Gracy che l'ha letto è piaciuto molto e se avete letto e avete divorato "La ragazza del treno" non potete farvi mancare anche questo thriller con i fiocchi.

UNA FREDDA MATTINA D'INVERNO | BARBARA TAYLOR SISSEL | AUTOCONCLUSIVO | THRILLER | 344 PP. | NEWTON COMPTON | 17/11/2016
In una fredda mattina di ottobre, Lauren Wilder arriva a un pelo dall’investire Bo Laughlin, che cammina lungo il bordo della strada. Bo, un giovane molto conosciuto nella piccola città di Hardys Walk, sembra non aver riportato danni, anche se il sesto senso di Lauren le suggerisce il contrario. La verità è che la donna non si è più ripresa veramente dall’incidente che ha avuto due anni prima e non è in grado di fare affidamento sulle sue capacità mentali. Succede, però, che Bo scompare e la polizia cerca di appurare se la sparizione possa essere ricollegata a lei. Lauren è terrorizzata, non tanto da quello che ricorda, ma soprattutto da ciò che non riesce a mettere a fuoco. Proprio perché non sa ricostruire cosa sia successo davvero, Lauren inizia la sua indagine personale per trovare la soluzione del mistero della scomparsa di Bo. Ma la verità può rivelarsi scioccante più di qualunque menzogna, e purtroppo non sarà lei la sola ad affrontarne le conseguenze…


RECENSIONE
Ringrazio la casa editrice Newton Compton per avermi regalato il libro e dato la possibilità di leggere un nuovo romanzo thriller.
Questa è stata una lettura piacevole, preciso che non è il mio genere preferito, ma la suspense che si respira a metà libro vi conquisterà, come ha conquistato me. Ad esser sincera, ho trovato un po' noioso l'inizio, a causa delle descrizioni, ma ho rivalutato il libro perchè la storia pian piano mi ha coinvolta e non vedevo l'ora di scoprire tutta la verità. Verità che mi ha lasciato l'amaro in bocca, forse poco originale, magari mi aspettavo un finale diverso. 
Il libro così si divide: in un capitolo l'autrice ci racconta del vissuto e dei pensieri di Lauren, nel capitolo successivo l'attenzione è tutta puntata su Annie.
Lauren è l'ultima persona che ha visto, sul margine della strada quel venerdì di ottobre, Bo, il ragazzo scomparso. Lauren era una tossicodipendente e la gente è sospettosa nei suoi confronti, ma lei sostiene di averlo anche visto nel parcheggio del minimarket che saliva su una berlina con una donna anziana, dai capelli bianchi.
Annie è la sorellastra di Bo, conosce il suo modo di fare e i posti che frequenta spesso, sa che Bo può distrarsi e magari non tornare a casa anche per giorni. A tal proposito, Annie ricorda quando Bo venne trovato in biblioteca, dopo un giorno di ricerche, sul pavimento intento a dormire. Bo è un ragazzo particolare e le persone in città lo evitavano.
Bo viene descritto come un ragazzo disturbato. quando cammina per chilometri sembra posseduto, con un cervello instabile, infatti alle volte dimentica di mangiare, dormire ecc.. ma la verità è che Bo è affetto da disturbo schizoaffettivo con tendenze bipolari e autistiche.
Purtroppo Lauren ha dei vuoti di memoria, la caduta dal campanile della vecchia chiesa che stava smantellando non ha permesso lei di riprendersi del tutto. Ha avuto un collasso, varie fratture, emorragie interne e la sua testa ha preso una bella botta. Ma Lauren è una donna forte che ha lottato per tornare stabile e guarire con le pillole di OxyContin prescritte dal suo medico. All'inizio non riesce a parlare bene ma con il tempo fa grossi progressi. Io ammiro la sua forza di volontà e il suo impegno, in molte occasioni mi ha fatto quasi pena perchè da lettrice volevo metterla in allerta. Per me si è fidata di tutti e in questi casi fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio. 
Bo è disperso e Annie è molto preoccupata, delusa da coloro che temono o provano pena per Bo. Lauren sarà sempre al fianco di Annie, sarà una spalla, ma anche colei che l'aiuterà ad indagare, a scoprire poi l'amara verità. 
Lauren si dimostrerà anche una bella persona con un grande cuore, vi riporto delle citazioni tratte dal libro:
"Sono la tua  compagna, siamo uguali, e questo vuol dire che devo condividere con te il peso di qualsiasi brutta notizia ti stia portando sulle spalle." 
"Quando mia figlia aveva sei anni si ruppe un braccio, io sapevo che era successo qualcosa prima che mi chiamassero. Non era sorpresa. Credo che cose del genere succedono quando ami qualcuno. C'è un legame speciale."
A metà libro verremo a conoscenza già di verità non dette, di segreti oscuri, e della vera natura delle persone persone senza scrupoli o cuore.
Molte volte avrei voluto poter aiutare Lauren, farle aprire gli occhi e cercare di aiutarla davvero con i suoi vuoti di memoria. Ho iniziato ad affezionarmi al suo personaggio quando inizia a comprendere cose inaspettate. Bo mi ha spezzato il cuore. L'ho conosciuto solo tramite le piccole descrizioni o per via dei dialoghi, sapeva di avere qualcosa che non andava, che non sarebbe potuto mai diventare l'uomo che voleva essere, e questo mi ha portato non poca tristezza.
Ho letto questo libro nei giro di un paio di giorni e ho sottolineato tante frasi , vi riporto quella che mi è rimasta più impressa:
IL GUAIO DELLA VITA E' CHE NON TI DA' MAI LA POSSIBILITÀ DI CAPIRE COSA TI ASPETTA. QUANDO SUCCEDE QUALCOSA DI TERRIBILE. LA VITA SEMPLICEMENTE TI ATTACCA,CORRENDO A TUTTA VELOCITÀ E COLPENDO, DI SOLITO ALLE SPALLE. ALLORA FINISCI A TERRA. RIMANI LI' DOLORANTE CON IL CUORE SPEZZATO, CERCANDO DI RIPRENDERTI, DI RIMETTERE INSIEME I PEZZI, E QUANDO TI GUARDI INDIETRO, TI RENDI CONTO CHE NON AVEVI AVUTO ALCUN SENTORE, NEANCHE UN SOSPETTO.
Non riesco ad immedesimarmi in nessuna delle due protagoniste, Lauren con la sua fragilità e Annie, una donna disperata per suo fratello. Tuttavia il libro merita di esser letto perchè tutto sommato è ben scritto, fluido, e si lascia divorare in pochissime ore. A causa del finale lo valuto con 3.5 stelle. Consiglio la lettura per chi ha voglia di leggere un thriller leggero con un bel po' di suspense.

Bene lettori, cosa pensate del romanzo? L'avete letto? Lo leggerete?
Vi aspetto nei commenti, vi rispondo appena posso.
Bacioni ♥ R e G!

3 commenti:

  1. Peccato per il voto non eccessivamente alto, ma dalla copertina sembrava molto carino :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Cara Rosalba <3 Ho questo libro in libreria ma non l'ho ancora letto, non sono in un periodo da thriller devo dire ma spero che prima o poi arrivi anche il momento adatto perchè io legga questo libro finalmente! un abbraccione grande grande <3

    RispondiElimina
  3. Non ho sentito un gran bel dire in merito a questo libro, però l'ho in libreria e quindi lo leggerò anch'io a breve :)

    RispondiElimina

TI POSSONO INTERESSARE

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Ti aspetto!