domenica 29 maggio 2016

Chiacchiere e buoni propositi

Cari lettori, rieccomi nella blogosfera. E' un periodaccio, lo ammetto. Avrei dovuto sostenere un esame MOLTO importante lunedì, ma l'ho rimandato. I ritmi di studio sono stati estenuanti e ciò che ho odiato di più è stato svegliarmi all'alba (per carità, l'alba è straordinaria) e perdere le forze solo alle 10:30 del mattino. Non solo il mio corpo, bensì la mia mente non ha più retto, pertanto ho perso questa sfida, ma non la battaglia. Ho spostato questo esame tra qualche settimana, magari avrò più tempo per vivere, anzi no, per sopravvivere. Tuttavia, ho ripreso la mia vita quotidiana: libri e, come potete vedere, ho ripreso a postare qui sul blog, cosa che mi mancava non poco. Certo che i vostri commenti, qui e sul profilo instagram, mi hanno rincuorato: sono solo io quella che si è fermata e non voi, che nonostante la mia mancanza, avete dedicato un piccolo attimo della vostra giornata alle mie parole e avete lasciato un pezzo di voi stessi. Per questo vi ringrazio. 
Sinceramente, non avrebbe senso ricapitolare la settimana, magari la dimentichiamo con un battito di ciglia, vi va? Oggi voglio solo chiacchierare con voi e raccontarvi della mia estate ideale, solo buoni propositi.
Se c'è una cosa che ho imparato da questa esperienza è che senza libri non posso vivere. Sono stati la mia ancora di salvezza, quel mezzo per poter liberare la mente da molteplici informazioni tecniche e complesse. E' nei momenti nei quali ti privi di qualcosa che comprendi quanto sia vitale quel qualcosa, quanto ti manchi. Mi sono rinchiusa nella mia torre, neanche fossi veramente Rapunzel, che aspetta un ...non sono sciocchina, i principi azzurri non esistono, ma io non attendevo l'azzurro, solo la libertà: un peso in meno, un voto e dei cfu in più. Insomma avete capito: più spensieratezza e mare per me e meno preoccupazioni, ma facevo sogni troppo in grande. 
Ho capito che non bisogna pretendere troppo da se stessi e concedere il giusto tempo a tutto. Ogni cosa ha il suo tempo e noi possiamo abbreviarlo, giusto un pochino, mai ridurlo totalmente.  Mai pretendere troppo da se stessi, perchè non accettarsi per quello che si è, ma cercare sempre di migliorarsi? E' sintomo di crescita, di maturazione, ma talvolta bisogna solo apprezzarsi.
Chi si accontenta, gode. Un detto che ho ripetuto sempre più volte tra me e me, ma che non riesco ancora a cogliere a pieno. Accontentarsi? In alcuni casi, io non so cosa significhi. Io voglio tutto e il massimo, e se devo sacrificare qualcosa, che spesso e volentieri sono io e le mie passioni, che ben venga o.... mal venga, ma.... che venga ugualmente.
In questa estate, vorrei uscire più spesso (viva la vita sociale e la compagnia degli amici, che mondo sarebbe senza?), andare al mare (vivo in una città di mare, perchè mancare all'appuntamento con le signore della spiaggia e nel frattempo leggere un buon libro? Ok, magari un giorno porto un romanzo, l'altro un libro universitario.), leggere (potrebbe mai mancare un buon libro, ad attendermi sul telo mare?), scrivere più spesso qui sul blog (devo imparare ad organizzarmi meglio), ma soprattutto aumentare i contenuti, quelli che mi riguardano più da vicino. Questo angolino è diventato una mini famiglia, un luogo di incontro con tante persone speciali e penso sia giunto il momento di parlare di me stessa, non solo in fatto di libri. Per questo motivo, ho tante idee che bollono in pentola. Aspettatevi due nuove rubriche, che al sol pensiero mi fan brillare gli occhi, non vedo l'ora. Non mancheranno nuove recensioni e consigli sulle letture affrontate. Ma teniamo i piedi ben piantati per terra e limitiamoci a fare i piani per i prossimi sette giorni: 3 sono le recensioni che vi devo, 2 sono i libri che voglio iniziare e finire entro la prossima settimana, 1 su 2 è la rubrica nuova che che voglio presentarvi.
Sono tornata sì, posso ben dirlo. Vi piacciono i nuovi font, i nuovi pulsanti social e i pulsanti di condivisione (condividetemi!!!)? Le mini modifiche non sono ancora finite.
Con questo vi lascio e vi do appuntamento a domani, con una recensione poco positiva, ma sarà pur sempre una recensione da non perdere, così potreste scartare dalla vostra wish-list un libro, che fareste bene a non acquistare. Banale e noioso. Una copia delle 50 sfumature.
Bocca cucita, ancora per poco.
Un bacione, R.

2 commenti:

TI POSSONO INTERESSARE

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Ti aspetto!