/ La Rapunzel dei libri (e non solo): "Harry Potter e la Pietra Filosofale" di J.K. Rowling | Recensione

mercoledì 21 dicembre 2016

"Harry Potter e la Pietra Filosofale" di J.K. Rowling | Recensione

Salve lettori, quest'oggi voglio parlarvi di un libro che molti di voi conosceranno, ma a me sconosciuto fino a qualche settimana fa. Sconosciuto perchè non ho dato una chance alla saga di Harry Potter quando venne pubblicata, ma ho avuto modo di vedere e rivedere più volte i film tratti dai romanzi. Perciò ho rimediato alla mia mancanza solo a dicembre, mese in cui ho acquistato il primo volume della saga di Harry Potter di J.K. Rowling, dal titolo "Harry Potter" e la Pietra filosofale".

HARRY POTTER E LA PIETRA FILOSOFALE (HARRY POTTER AND THE PHILOSOPHER'S STONE) | J.K. ROWLING | HARRY POTTER SAGA #1| FANTASY | 302 PP | SALANI | EDIZIONE DEL 24 MAGGIO 2014
Harry Potter è un ragazzo normale, o quantomeno è convinto di esserlo, anche se a volte provoca strani fenomeni, come farsi ricrescere i capelli inesorabilmente tagliati dai perfidi zii. Vive con loro al numero 4 di Privet Drive: una strada di periferia come tante, dove non succede mai nulla fuori dall'ordinario. Finché un giorno, poco prima del suo undicesimo compleanno, riceve una misteriosa lettera che gli rivela la sua vera natura: Harry è un mago e la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts è pronta ad accoglierlo... 


RECENSIONE
E' pressoché inutile soffermarsi sulla storia raccontata, perchè i più, anche se non hanno letto il libro, conoscono la storia del mago più celebre al mondo: Harry Potter. Ciò che mi ha spinto a leggere questo libro, nonostante le parole di Ilaria, è il voler approcciarmi alla scrittrice. Tantissimi lettori, di qualunque età, dicono di aver letto Harry Potter e di aver amato la penna della scrittrice, perchè oltre che molto scorrevole e fluida ha qualcosa di magico e fantastico. Non avrei mai creduto che dietro un libro ed una copertina per adolescenti si potesse celare una prosa eccellente e un fantasia impressionante. Credo che leggere questi libri sia un ottimo esercizio per i piccoli lettori, ma soprattutto è il modo per poter unire l'utile al dilettevole. Leggere Harry Potter è un vero e proprio spasso. Immagino che l'approccio con il testo sia diverso a seconda delle fasce di età, i più piccini credono ancora alla magia e altri no, tuttavia cogliere i punti di riflessione del romanzo è doveroso ad ogni età. Il primo punto di riflessione è quello dell'amicizia, il secondo è quello dell'avventura, e così via, ne potremmo trovare migliaia di punti di riflessione. Ma non sono solo questi i punti di forza del romanzo, anzi. Credo che il successo di questa saga sia dovuto all'intero modo di Hogwarts, costruito con così precisione e cura, nei minimi dettagli, dalla scrittrice. Ho notato che nulla è lasciato al caso, tutto ha un senso e serve a qualcosa. Qualcosa che pian piano ci viene svelato. 
Ho apprezzato molto il tono usato dalla scrittrice, evidenza il fatto che con questo primo libro si indirizza ad un pubblico di soli adolescenti, ma per libri come questi non c'è età. Perchè precluderci una lettura leggera, fantastica e con un pizzico di magia anche se abbiamo superato i vent'anni?
Io stessa ho apprezzato molto la storia raccontata, la potrei definire una ventata di aria fresca, seppure letto durante la sessione invernale, ma è stato un passatempo davvero meritato, grazie al quale ho potuto interrompere la connessione con il mondo reale e rifugiarmi ad Hogwarts, presso la Casa più interessante: Grifondoro. Certo, la storia mi ha incuriosita fin dal primo momento, seppure conoscessi chi fosse il protagonista e chi fossero i suoi genitori, ho maturato, fin dalle primissime pagine, una certa curiosità su come la scrittrice avesse raccontato la storia del bambino con la cicatrice a forma di saetta in fronte. 
In molte parti del libro mi è parso di ripercorrere, durante la lettura, episodi messi in scena dai protagonisti del film: Harry Potter e la Pietra Filosofale. Non ho potuto che immaginare Harry come Daniel Radcliffe, Ron come  Rupert Grint e Hermione come Emma Watson, così come per tutti gli altri personaggi. Sono particolarmente appassionata ai questi personaggi, che insomma emergono maggiormente, tuttavia ho subito riconosciuto Hagrid, Neville, Malfoy, per non parlare di Silente, Piton e la McGonagall, o più nota McGranitt.
Magari il fatto di aver cambiato dei nomi non l'ho particolarmente gradito: Tassofrasso al posto di Tassorosso mi sembra un po' ridicolo, ma grazie al cielo ho memoria e mi risulta facile, durante la lettura, cambiare nome con quello che più mi piace.
Dopo aver letto il primo libro, sono sempre più curiosa di andare avanti con questa saga. Voglio immergermi nelle avventure di Harry Potter, combattere a suo fianco e sconfiggere il temutissimo Voldemort. Consiglio assolutamente la lettura del libro ai lettori di qualsiasi fascia d'età, purché amiate il genere fantasy. Soprattutto, consiglio questo libro ai ragazzi più giovani, perchè no? Potrebbe essere una splendida lettura o rilettura natalizia.
4/5 STARS

Bene lettori, cosa pensate del romanzo? L'avete letto?
Vi aspetto nei commenti.
Bacioni, R ♥

4 commenti:

  1. Uno dei primi libri che ho letto, riprenderlo in mano è un po' come tornare a casa. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grazia, è davvero una piccola meraviglia. Lo adoro. Un abbraccio e buone feste xD

      Elimina
  2. Mi fa molto piacere che hai deciso di iniziare questa saga. Meglio tardi che mai. Sono certa che andando avanti ti piacerà ancora di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è piaciuto già un sacco il primo libro, figuriamoci i seguenti. Seguirò i vostri consigli e leggerò l'intera saga!
      😘

      Elimina

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Risponderò presto!