/ La Rapunzel dei libri (e non solo): A court of mist and fury di Sarah J. Maas | Recensione

lunedì 31 luglio 2017

A court of mist and fury di Sarah J. Maas | Recensione

Buongiorno lettori, oggi torno con una recensione. Il libro si intitola "A court of mist and fury" ed è il secondo romanzo della trilogia "A court of thorns and roses" di Sarah J. Maas. Di quest'ultimo libro ve ne ho parlato qui. Sempre nel post dedicato ad Acotar vi parlo di come affrontare la lettura in lingua originale.

RECENSIONE
Se ho adorato A court of thorns and roses, primo episodio della serie, ho letteralmente amato e venerato A court of mist and fury, in tutte le sue poco più di seicento pagine.
Questo libro è ogni cosa o, per dirla citando Sara di Bookspedia, è la vita. È un libro di una bellezza unica, con i suoi colpi di scena e i suoi personaggi, ciascuno con la sua singolare personalità.
A rendere straordinario il romanzo è la storia che combina magia, fantasy e sentimento e i protagonisti, per i quali ho irrimediabilmente perso la testa. Sono ormai in fissa con loro, perché, come raccontati, appaiono veri e unici, ciascuno con i propri poteri, i propri demoni e i loro sentimenti. 

Se in Acotar eravamo a sud, nella Sping Court, gran parte di Acomaf, secondo volume, ha luogo più a Nord, nella Night Court, precisamente nella corte di Rhysand. Ve lo ricordate? In Acotar, Rhysand appare come un uomo sicuro di sé, crudele, spietato e alleato di Amarantha, tuttavia Rhysand non è affatto tale. È sicuramente il suo personaggio che spicca nelle pagine di Acomaf, in quanto regala piccole parti di se stesso capitolo dopo capitolo. Rhys si svela piano piano e lo conosciamo attraverso gli occhi di Feyre, la quale è felice di rivalutare l'High Lord of Night Court fino a provare per lui non semplice amicizia ma un sentimento più intenso, forte e solido, amore. 
È inevitabile innamorarsi del personaggio di Rhysand. I battibecchi con Feyre, la sua gelosia, i suoi sguardi ammaliano il lettore. I suoi amici, la sua famiglia, il suo popolo, il suo gran cuore, i suoi sogni, fanno di Rhysand l'uomo per il quale è facile perdere la testa. Senza contare il suo corpo, i suoi tatuaggi e le sue ali, così sensibili e forti. 
Non solo Rhysand, anche Feyre ha una crescita nelle pagine di Acomaf. Non è più una semplice umana che ha bisogno di esser difesa e protetta. Ora Feyre è una High Fae, un immortale con poteri magici ancora da scoprire. Feyre ha una vivace personalità. È sempre stata testarda, con la lingua tagliente e il corpo di una dea. Per quanto ami dipingere, quella non è tutta la sua vita. Ora deve imparare a vivere da High Fae, deve imparare a conoscere i suoi poteri, e, seppure ciò richiederà sacrificio e impegno, Feyre è pronta. Deve farcela. Deve combattere. Deve essere forte. Deve riuscirci. Deve vivere per i suoi sogni e quelli del suo uomo. 

Feyre e Rhysand non sono gli unici protagonisti che compaiono nelle pagine del secondo volume, ma facciamo la conoscenza dell'intera famiglia di  Rhysand, di tutti i ragazzi dell'Inner Circle: Amren, il suo primo, Mor o Morrigan, cugina di Rhysand e il suo secondo, Cassian, il capo delle forze armate, Azriel, la sua spia. 
Quest'ultimo è il taciturno è riservato. Cassian è carismatico, spiritoso e leale. Mor è amichevole ed affidabile. Amren è la più diffondente del gruppo, ma anch'essa è onesta e leale.
Ho adorato questo gruppo, al quale presto, con la lettura di Acowar, si aggiungeranno anche le sorelle di Feyre: Nesta, sua sorella maggiore ed Elaine, sua sorella minore. 

Ho letto per giorni interi questo libro incapace di separamene. Ho atteso con ansia e gioia alcune scene con contenuti espliciti, non consigliati ai giovani lettori, perché dopo la suspense che mi ha tenuto sveglia notti, ho desiderato leggere scene very hot, quelle da far arrossire le guance perché Rhys è sexy, passionale ed irresistibile. 

Consiglio questo libro a chiunque voglia immergersi in una meravigliosa storia fantasy e d'amore e a chiunque abbia un buon livello di conoscenza della lingua inglese. In compagnia di un buon vocabolario (magari leggere i miei consigli per la lettura in lingua originale vi sarà utile) è possible riuscire nell'impresa.

Non sarei in grado di valutare questo libro perchè sarebbe ingiusto dargli solo cinque stelle. Come dice Ilaria, non basterebbero tutte le stelle della Night Court per valutare onestamente questo libro. Tremendamente bello.

Bene lettori, per oggi è tutto. Spero questa recensione vi sia piaciuta e vi sia stata d'aiuto nella scelta di lettura.
Scrivetemi nei commenti cosa ne pensate.
Vi abbraccio, Rosalba♥

Nessun commento:

Posta un commento

Se il post ti è piaciuto, lascia un commento. Risponderò presto!